Certamente si.

Il cliente ha un contratto di conto corrente di corrispondenza e un contratto di custodia e amministrazione di valori mobiliari (deposito amministrato titoli) con l’intermediario cui può fare riferimento per qualunque necessità.

Il fatto di avere come custode del proprio patrimonio un intermediario bancario è ulteriore garanzia di tranquillità per il cliente stesso.