Articoli di finanza

I tassi d’interesse negli Stati Uniti si stanno alzando. Questo è fuor di dubbio.

Cerchiamo ora di capire insieme cosa potrebbe accadere ai tassi applicati ai mutui.

I titoli di Stato americani nelle ultime settimane hanno perso molto terreno facendo arrivare i rendimenti dei titoli a breve scadenza ai livelli pre-crisi ovvero al lontano anno 2008.

Grafico del rendimento del titolo americano a scadenza due anni (USGG2YR). Fonte: Bloomberg

Come si può vedere chiaramente dal settembre del 2017 c’è stata un’impennata di tale rendimento. Ma cosa è successo lo scorso autunno?

E’ stato annunciato da parte della FED il cosiddetto “QE-Unwind” ovvero l’alleggerimento del bilancio dei titoli in possesso della banca centrale americana. Ciò porterà quest’ultima a vendere sul mercato i titoli in suo possesso.

Anche i rendimenti dei titoli a tre anni, che per la prima parte del 2017 sono rimasti costanti, dal settembre dello scorso anno hanno subito un forte rialzo.

Grafico del rendimento del titolo americano a scadenza tre anni (USGG3YR). Fonte: Bloomberg

Il tasso di interesse dei titoli decennali, punto di riferimento per i mercati finanziari e che maggiormente influenza i tassi di interesse sui mutui, è balzato al 2,65%.

Grafico del rendimento del titolo americano a scadenza dieci anni (USGG10YR). Fonte: Bloomberg

L’andamento di quest’ultimo tasso però è stato curioso durante il 2017: da marzo ad agosto è sceso per poi salire negli ultimi mesi.

Al 2,65% attuale il tasso del titolo decennale americano è tornato ai livelli del 2014 ma è raddoppiato dal minimo storico del 1,37% toccato il 7 luglio 2016.

Il mondo delle obbligazioni corporate americane non hanno risentito per il momento di tali rialzi, come del resto gli indici azionari del nuovo mondo che stanno continuando a salire.

Ciò che è cambiato è il mercato dei mutui.

Secondo il sito “Mortage News Daily” il tasso per un mutuo a trent’anni è salito al 4,23%, valore comunque storicamente molto basso come si può notare dal grafico sottostante.

Grafico del tasso dei mutui a 30 anni in USA. Fonte: Mortage News Daily

Un aumento dei tassi può impattare considerevolmente sulla rata del mutuo e quindi sulla capacità degli americani di onorare il debito.

Quando per esempio il tasso di interesse passa dal 3,5% al 4,5% la rata di un mutuo da 250.000 dollari sale di 144 dollari arrivando a 1.267 dollari mensili.

Se i numeri sono più grandi, come per un immobile da 1.250.000 dollari, la rata mensile passa dai 5.613 dollari nel caso di tassi al 3,5% ai 6.334 dollari in caso di tassi al 4,5%.

Ricordiamo che 4,5% è un tasso storicamente molto basso. I tassi si stanno alzando e anche le rate dei mutui lo stanno facendo.

E in uno scenario di prezzi delle case a livelli esorbitanti (più alti rispetto al 2008) sarebbe forse utile fare attenzione al rialzo dei tassi.

“S&P/Case-Shiller U.S. National Home Price Index” – Indice del prezzo delle case negli USA

Dal 2008 a oggi i tassi dei mutui particolarmente bassi hanno fatto impennare i prezzi delle case su tutto il territorio degli Stati Uniti d’America. I tassi in rialzo saranno quindi applicati agli immobili i cui prezzi sono alle stelle.

I mutuatari americani dovranno far fronte a due incognite nel prossimo futuro:

  • le rate mensili in crescita porteranno i consumatori a dover risparmiare denaro e diminuire i consumi di altri beni e servizi;
  • se nel ciclo di abbassamento dei tassi i prezzi degli immobili aumentano, quando i tassi sono in rialzo i prezzi delle case diminuiscono rendendo possibile una perdita di valore dell’asset oggetto di mutuo.

Lo scenario futuro è già scritto: il tasso del titolo decennale è ancora storicamente basso ma la FED aumenterà ulteriormente i tassi di interesse nei prossimi mesi.

Tutto ciò farà aumentare ancora i tassi dei mutui, con tutte le conseguenze del caso per i consumatori americani e per l’economia statunitense stessa.

Torino, 22 gennaio 2018

USA: i tassi dei mutui in rialzo nel mercato delle case alle stelle
Dai il tuo voto
Giovanni Bajetto
Seguimi

Giovanni Bajetto

Consulente in Tokos
Consulente finanziario, gestore dei portafogli clienti e web manager della società.
Giovanni Bajetto
Seguimi

Ultimi articoli di Giovanni Bajetto (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati con un *

Commenta